Canones Hibernenses II - I Libri Penitenziali

Vai ai contenuti
Letteratura Penitenziale > Canoni irlandesi > Canones Hibernenses
CANONI IRLANDESI - TESTO "II": COMMUTAZIONI
Irlanda, prima del 792 d.C.
I sei testi dei Canones Hibernenses vengono da sempre interpretati dalla letteratura scientifica di settore (WASSERSCHLEBEN F.W.H., Die Bussordnungen der abenländischen Kirche, Halle 1851, 8; BIELER L., The Irish Penitentials, Dublin 1975, 136) come un corpus normativo appartenente al genere letterario penitenziale.
Questa tradizionale impostazione dottrinale è corretta se non in parte. In primo luogo i manoscritti che li contengono non li hanno mai tramandati come parti di un’unica composizione ed, inoltre, non vi sono prove che depongono a favore di una medesima paternità (GAMER H.M. - MCNEILL J.T., Medieval  Handbooks  of  Penance,  a Translation of the principal Libri Poenitentiales and Selections from related Documents, New York 1938, 117), anche se si è sempre sostenuto che fossero l’elaborato di una commissione legislativa mista – composta chierici e laici – che, all’interno di un sinodo irlandese fosse stata chiamata a regolamentare una serie di materie prive di copertura normativa.
A riprova del fatto che non costituiscono un'opera unitaria depone la diversa numerazione attribuita dalla dottrina più importante: Bieler (di cui qui si segue l'ordine testuale) e Wasserschleben prevedono una tassonomia differente fondata sui manoscritti che li contengono (VOGEL C., Les “Libri Paenitentiales”, Turnhout 1978, 63).
In generale i Canones Hibernenses sono ritenuti temporalmente anteriori al Penitenziale di Teodoro di Canterbury (redatto tra il 668 ed il 690 d.C. ) ed alla Collectio Canonum Hibernensis (redatta intorno al 725 d.C.) dal momento che ambedue le opere ne citano le relative disposizioni.
Il Testo "II" , intitolato De arreis, è una lista di 12 canoni – pervenutaci in due differenti recensioni (Testo "P" e Testo "B") - caratterizzati dalla presenza di commutazioni sanzionatorie che accorciano lunghe penitenze diluite nel tempo in pene più severe ma concentrate in un arco temporale più breve.
Si tratta di una tecnica sanzionatoria già prevista dal Secondo Sinodo di San Patrizio (can. 3) e meglio disciplinata nella Tavola delle commutazioni scritta in lingua gaelico irlandese: ambedue queste opere penitenziali contengono norme contemplate dal Testo "II".
Tant’è che il termine arra od arreum, compare qui in tutta la letteratura penitenziale celtica (BINCHY D.A., Penitential textx in Old-Irish in BIELER L., The Irish Penitentials, Dublin 1975, 258 ss.) e parrebbe essere proprio la traslitterazione latina dell’antico irlandese ar-ren (trad. pagato in luogo di) che troviamo proprio nella Tavola delle commutazioni e nel Penitenziale di Tallagh.
In ragione del fatto che numerose norme del Testo "II" vengono riciclate dalla Tavola delle commutazioni redatta nel Monastero di Tallaght nella seconda metà del sec. VIII e comunque prima della morte di Mael Ruai, la sua collocazione temporale è precedente al 792 d.C..

DE ARREIS
RECENSIO P

RECENSIO B
De arreis incipit


1. Arreum superpossitionis .c. ψalmi et .c. flectiones genuum uel ter quinquageni et cantica .vii..

2. Arreum <anni> triduan<um> .i. nox et dies in statione sine somno nisi paruum uel .iii. ψalmi cum canticis et cum missa horarum .xii. et .xii. flectiones in unaquaque hora et manus sopinatae ad orationem.
Arreum anni tridui dies et noctes sine sede et somno nisi paulisper uel .cl. psalmi[s] cum .x. canticis stando et orando in omni hora, .xii. quoque flectiones genuum flectuntur in omni hora orandi, et palmae supernae ad orationem.
3. Arreum anni triduanum cum mortuo sancto in sepulchro sine cibo et putu et sine somno sed cum uestimento circa se et cantatione ψalmorum et oratione horarum post confessionem et uotum sacerdoti..
Arreum anni triduum cum mortuo sancto in uno sepulchro sine cibo potuque ac sine dormitatione, praecinctus uestimento suo, et cum cantico psalmorum et cum [ad]oratione horarum post confessionem peccatorum sacerdoti et post uotum.
4. Arreum anni triduanus in aeclesia sine cibo et potu et somno et <cum> uestitu sine sede et canticum ψalmorum cum canticis et oratione horarum et in eis .xii. genuculationes post confessionem peccatorum coram sacerdote et plebe post uotum.
Arreum anni triduum in eclesia sine dormitatione cum uestimento circa se sine sede, et canticum psalmorum cum canticis sine intermissione, et misa uniuscuiusque horae et .xii. inflectiones uniuscuiusque horae post confessionem peccatorum coram sacerdote et plebe, et post uotum.
5. Arreum anni .xii. dies et noctes super .xii. bucellos de tribus panibus, qui efficiuntur de tertia parte coaid siir throscho.
Arreum anni .xi. dies et noctes super .xii. bucellas mensurae de tribus panibus.
6. Arreum anni .xii. triduani.
Arreum anni .xii. triduanas (sic).
7. Arreum anni mensis in dolore magno ut dubi[b]us sit de uita.
Arreum anni mensis in dolore magno, sed de quo non moritur quis iterata postmodum uita ad iudicium sacerdotis.
8. Arreum <anni> .xl. dies in pane et aqua, et superpossitio in singulis ebdomadibus et .xl. ψalmi et flectiones .xl. et horarumque oratio.
Arreum anni .xl. dies et noctes in pane et aqua et duae superpositiones unicuique ebdomadae; .xl. psalmi et .xl. inflectiones in unaquaque hora horandi.
9. Arreum anni .l. dies in longa superpossitione et .lx. ψalmi et flecti<ones et> horarum oratio.
Arreum anni .l. dies et noctes in pane et aqua in mensura; .lx. psalmi et .lx. inflectiones in unaquaque hora horandi.
10. Arreum anni .xl. dies fordobor 7 ith et superpossitiones due omnis ebdomadis; .xl. ψalmi et flecti(ones) et oratio omnis horae.

11. Arreum anni .c. dies in pane et aqua et oratio omnis horae.
Arreum anni dies .c. in pane et aqua; missa in omni hora horandi.
12. Haec omnia ieiunia sine carne et uino nisi paruum de herbisa in cella aliena per tempus.
Penitentia illorum annorum per lungum, quorum arreum in his praedictis emittitur, sine carne et uino et butyro et lacte dulci agatur.
Torna ai contenuti