Canones Hibernenses I - I Libri Penitenziali

Vai ai contenuti
Letteratura Penitenziale > Canoni irlandesi > Canones Hibernenses
CANONI IRLANDESI - TESTO "I": SINODO IRLANDESE
Irlanda, prima del 665 d.C.
I sei testi dei Canones Hibernenses vengono da sempre interpretati dalla letteratura scientifica di settore (WASSERSCHLEBEN F.W.H., Die Bussordnungen der abenländischen Kirche, Halle 1851, 8; BIELER L., The Irish Penitentials, Dublin 1975, 136) come un corpus normativo appartenente al genere letterario penitenziale.
Questa tradizionale impostazione dottrinale è corretta se non in parte. In primo luogo i manoscritti che li contengono non li hanno mai tramandati come parti di un’unica composizione ed, inoltre, non vi sono prove che depongono a favore di una medesima paternità (GAMER H.M. - MCNEILL J.T., Medieval  Handbooks  of  Penance,  a Translation of the principal Libri Poenitentiales and Selections from related Documents, New York 1938, 117), anche se si è sempre sostenuto che fossero l’elaborato di una commissione legislativa mista – composta chierici e laici – che, all’interno di un sinodo irlandese fosse stata chiamata a regolamentare una serie di materie prive di copertura normativa.
A riprova del fatto che non costituiscono un'opera unitaria depone la diversa numerazione attribuita dalla dottrina più importante: Bieler (di cui qui si segue l'ordine testuale) e Wasserschleben prevedono una tassonomia differente fondata sui manoscritti che li contengono (VOGEL C., Les “Libri Paenitentiales”, Turnhout 1978, 63).
In generale i Canones Hibernenses sono ritenuti temporalmente anteriori al Penitenziale di Teodoro di Canterbury (redatto tra il 668 ed il 690 d.C.) ed alla Collectio Canonum Hibernensis (redatta intorno al 725 d.C.) dal momento che ambedue le opere ne citano le relative disposizioni.
Il Testo "I" – così come il Testo "III"  ed il Testo "IV" (o rispettivamente Testo "VI"  e Testo "III" secondo il diverso ordine di Wasserschleben) – viene introdotto dai manoscritti che lo contengono come un elaborato sinodale formato da 29 canoni idealmente divisibili in tre differenti sezioni: la prima, di chiara matrice irlandese, dedicata a varie forme di omicidio, la seconda che prevede l’apparato sanzionatorio per le condotte che violano prescrizioni di natura igienico-sanitaria, e la terza riservata alla materia dell’illecita convivenza tra chierici e laici.
La sua contestualizzazione temporale è giustificata dal fatto che al can. 3 si ricordano gli insegnamenti di Manchán di Liath-Mancháin, deceduto, secondo gli Annali dell’Ulster, nel 665: questo è il termine ad quem per la redazione dell’opera anche in ragione del tempo presente ("dicit" e non "dixit") menzionato nella norma.

DE DISPUTATIONE HIBERNENSIS SINODI ET GRIGORI NASASENI SERMO DE INNUMERABILIBUS PECCATIS INCIPIT
1. Paenitentia parricidi .xiiii. anni, uel semis, si ignorantiae causa, in pane et aqua et satisfactione.
2. Haec est paenitentia homicidi .vii. anni. In pane et aqua agitur.
3. Penitentia homicidi .vii. anni in pane et aqua, uel .x., ut dicit Monochoma.
4. Haec est poenitentia magi uel uotiui mali si<ue> crudelis, iddem ergach, uel praeconis uel cohabitatoris uel heretici uel adulteri, id est .vii. anni in pane et aqua.
5. Poenitentia concoitus mulieri .vii. <anni> in pane et aqua. Poenitentia concoitus conuicinae .xiiii. anni uel .viiii.
6. Poenitentia perditionis liquoris matiriae filii in utero matris .iii. anni et semis.
7. Poenitentia perditionis carnis et animae .vii. et semis in pane et aqua et castitate.
8. Praetium animae de perditione liquoris et mulieris .xii. ancillae.
9. .xii. altilia uel .xiii. sicli praetium uniuscuiusque ancillae.
10. Praetium animae de perditionem filii et mulieris .xii. ancellae.
11. Poenitentia de perditione mulieris de suo filio .xii. anni in pane et aqua.
12. Poenitentia de bibitione sanguinis uel urinae .vii. anni et semis in pane et aqua et inpossitione manus aepiscopi postea.
13. Poenitentia essus carnis aequi .iiii. anni in pane et aqua.
14. Poenitentia essus carnis quam canes comederunt .xl. dies in pane et aqua.
15. Poenitentia essus carnis morticini pecoris .xlii. in pane et aqua.
16. Poenitentia inlicite bibitionis canis annus unus.
17. Poenitentia bibitionis aquilae uel curbi uel graule uel galli uel gallinae .l. dies in pane et aqua.
18. Poenitentia bibitionis inlici<tae> muricipis .v. dies in pane et aqua et superpossitio.
19. Poenitentia inlicitae bibitionis de morticina pecoris .xl. dies et noctes in pane et aqua.
20. Poenitentia inlicitae bibitionis morticine muris .vii. dies in pane et aqua.
21. Poenitentia bibitionis inlicite laici uel laicae .l. dies in pane et aqua.
22. Poenitentia manducandi uel dormitandi in eadem domo uel in uno lecto cum laico uel laica .xl. dies cum pane et aqua.
23. Poenitentia bibitionis inlicitae glantelle prignantis uel cohabitatoris sui .xl. diebus in pane et aqua.
24. Poenitentia manducationis in una domo uel in una singa cum eis .xl. diebus in pane et aqua.
25. Poenitentia dormiendi cum eis in una domo .xx. dies in pane et aqua.
26. Poenitentia bardigi capalbiae post laicum uel laicam .l. dies in pane et aqua.
27. Si post glantellam in utero habentem uel post cohabitatorem suum, .xl. dies in pane et aqua.
28. Si post clericum plebis, .xx. dies in pane et aqua.
29. Si post hanchoritam uel episcopum uel scribam uel principem magnum uel post regem iustum, .xv. dies in pane et aqua.
Torna ai contenuti